FARMACI: MELAZZINI (AIFA), PAYBACK PREGRESSO 2013-15 MENO CARO DEL PREVISTO -3-

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) – Roma, 19 set – Ma il pay-back restera’. Anche se non e’ detto che il sistema restera’ come e’ attualmente. ‘Almeno il pay back sul ripiano dello sfondamento dell’ospedaliera – chiarisce Melazzini – deve rimanere, per il controllo da parte delle regioni, per spingere verso l’appropriatezza, per il monitoraggio, poi il resto vediamo. Io poi sono molto tranquillo sul pay-back, perche’ adesso avremo la certezza del dato sulla fatturazione elettronica, verra’ inserita anche l’Aic e quindi la possibilita’ di errori sara’ ridotta al minimo. Pero’ ci sono altre voci su cui intervenire. Il meccanismo e’ piuttosto complicato’. Resteranno anche i due fondi per gli innovativi e per gli innovativi oncologici, che valgono complessivamente un miliardo. ‘D’altra parte – conclude Melazzini – sono stati strutturati per tre anni. Poi ora con tutte le terapie in arrivo in ambito oncologico, terapie avanzate, cellulari. Proprio in questi giorni in Consiglio di amministrazione abbiamo approvato una terapia per i bambini con Atrofia muscolare spinale. E poi in America e’ stato approvata per una forma di leucosi acuta la Car-T, che sicuramente arrivera’ anche da noi. Sono terapie purtroppo particolarmente costose, per fortuna limitate a particolari tipi di pazienti, con quel tipo di leucemia acuta, persone che non avevano un’alternativa terapeutica e che potranno guarire’.

Rom

(RADIOCOR) 19-09-17 12:13:12 (0229)SAN,PA 5 NNNN

 

FacebookTwitter